Notizie Sir del giorno: Papa Francesco alla Fao, elezioni in Austria, legge di bilancio 2018, Brexit, ius soli, Università cattoliche, padre Pio

Papa Francesco: alla Fao, “maggiore responsabilità” per “garantire il diritto di ogni essere umano” all’alimentazione

Un appello per una “maggiore responsabilità a tutti i livelli, non solo per garantire la produzione necessaria o la equa distribuzione dei frutti della terra – questo dovrebbe darsi per scontato – ma soprattutto per garantire il diritto di ogni essere umano ad alimentarsi secondo le proprie necessità, prendendo parte alle decisioni che lo riguardano e alla realizzazione delle proprie aspirazioni, senza essere costretto a separarsi dai suoi cari”. A rivolgerlo è stato il Papa, all’inizio del discorso – pronunciato in spagnolo – con cui ha aperto la plenaria della Fao, in occasione della celebrazione della Giornata mondiale dell’alimentazione, dedicata quest’anno al tema: “Cambiare il futuro della migrazione: Investire nella sicurezza alimentare e nello sviluppo rurale”. (clicca qui)

Elezioni in Austria: vince il conservatore Kurz. Poi testa a testa fra socialdemocratici e ultranazionalisti. Il Paese vira a destra

Le elezioni per il Parlamento austriaco hanno un vincitore: Sebastian Kurz, ministro degli Esteri trentunenne, ha guidato il Övp (Partito popolare austriaco) alla vittoria dopo 15 anni, aggiudicandosi il 31,4% dei suffragi (si attende il dato definitivo dopo lo spoglio dei voti per corrispondenza) con la sua lista nominale “Sebastian Kurz – die neue Volkspartei”: la vittoria personale di Kurz è confermata dal dato elettorale, che ha visto i Popolari passare dal 20% dei consensi nel maggio scorso, al momento dell’inizio della crisi di governo in Austria, al risultato di ieri, con un aumento di oltre 11 punti percentuali. Kurz, il più giovane ministro degli Esteri europeo, si avvia a diventare il più giovane Cancelliere austriaco della storia. (clicca qui)

Governo: il Consiglio dei ministri ha varato la legge di Bilancio 2018, sgravi contributivi per il lavoro giovanile

“Mesi fa si parlava in rapporto a questa sessione di bilancio di lacrime e sangue” e invece abbiamo “una manovra snella, utile per la nostra economia”. Sono queste le prime parole del premier, Paolo Gentiloni, nella conferenza stampa tenuta subito dopo il Consiglio dei ministri che questo pomeriggio ha varato la legge di bilancio per il 2018. La manovra economica, che comprende anche il decreto fiscale approvato venerdì scorso, è nell’ordine dei 20 miliardi, buona parte dei quali (circa 15,7) necessari per evitare l’aumento dell’Iva e l’introduzione di nuove tasse. Delle restanti risorse disponibili, la misura a cui è stata destinata la quota più importante è lo sgravio dei contributi previdenziali per favorire il lavoro giovanile, pari al 50% per tre anni per ogni nuovo assunto a tempo indeterminato. Il primo anno lo sgravio si applicherà agli under 35, ma la soglia di età sarà ridotta negli anni successivi (il limite fissato dalla Ue è di 29 anni). (clicca qui)

Ue: premier britannica May a Bruxelles per sbloccare il Brexit. Documento dei 28 su Bosnia-Erzegovina, prospettiva europea e unità del Paese

(Bruxelles) È attesa in giornata a Bruxelles la premier britannica Theresa May, dove, accompagnata dal ministro che si occupa di Brexit, David Davis, incontrerà il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, e il capo negoziatore, Michel Barnier. I negoziati sul “divorzio” tra Regno Unito e Ue sembrano in una fase di stallo e il viaggio, a sorpresa, della May, vorrebbe aggiungere elementi di chiarezza anche in vista del Consiglio europeo del 19 e 20 ottobre. Sono invece numerose le “Conclusioni” adottate oggi dal Consiglio Ue riunito a Bruxelles sui temi di politica internazionale. Tre documenti riguardano il Myanmar, l’Afghanistan e l’Iran. Di particolare interesse quello sulla Bosnia-Erzegovina. (clicca qui)

Ius soli: Consulta organismi ecclesiali socio-assistenziali, “non trincerarsi dietro le paure”

La questione dello ius soli/ius culturae “lascia un’ombra profonda circa la volontà di assumere la sfida dell’integrazione, superando strumentalizzazioni o dinamiche di convenienza elettorale che spesso tendono a legarla e confonderla con le questioni dell’accoglienza”: lo afferma oggi la Consulta nazionale degli organismi ecclesiali socio-assistenziali, che si è riunita a Roma nei giorni scorsi per affrontare varie questioni relative a giovani, lavoro, povertà, cercando di contestualizzarle in ambito ecclesiale e sociale. “Guardare la realtà in modo responsabile – afferma in una nota – vuol dire partire da ciò che ci accomuna per camminare insieme. Si capisce allora come sia centrale e decisivo il dibattito sulla cittadinanza a oltre 800mila bambini e ragazzi nati in Italia, che vivono qui, frequentano le nostre scuole ma che italiani non possono ancora considerarsi”. (clicca qui)

Università cattoliche: card. Bassetti, “riscoprano propria missione”. Contro disoccupazione giovanile servono “immediate risposte concrete ed efficaci”

“È assolutamente drammatico” che nel mondo contemporaneo siano i giovani “a pagare il prezzo più alto delle disuguaglianze”. Esordisce così il card. Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, nel saluto ai partecipanti alla Conferenza internazionale della Fiuc (Federazione internazionale delle università cattoliche) in corso da oggi al 18 ottobre all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano sul tema “Young people and Inequalities” (Giovani e disuguaglianze). In Italia, prosegue, “i dati sulla disoccupazione giovanile, soprattutto al Sud, continuano ad essere molto preoccupanti e necessitano di risposte concrete ed efficaci nell’immediato e non in un futuro indeterminato”. Con riferimento al Sinodo dei vescovi in programma nell’ottobre 2018 su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, Bassetti lo definisce “un’occasione irripetibile per fare luce in modo concreto e realistico sulla vita delle nuove generazioni senza cercare scorciatoie buoniste o moralistiche”. (clicca qui)

Padre Pio: dal 26 novembre la reliquia del corpo traslata nel santuario di santa Maria delle Grazie. Vi rimarrà tutto l’inverno

Dal prossimo 26 novembre e fino al 18 marzo 2018, la reliquia del corpo di san Pio da Pietrelcina, sarà esposto alla pubblica venerazione nella cripta del santuario di Santa Maria delle Grazie, a San Giovanni Rotondo, sempre all’interno di un’urna di vetro nel luogo che lo ha custodito per 42 anni. Lo si apprende da una nota diffusa questa mattina dai Frati minori cappuccini della Provincia religiosa “Sant’Angelo e Padre Pio” nella quale si spiega che la decisione è stata presa “in accordo con l’arcivescovo diocesano mons. Michele Castoro, con il ministro provinciale padre Maurizio Placentino, ottenuto il dovuto nulla osta dalla Congregazione delle Cause dei santi”. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia