Diocesi: San Miniato, consegnato il mandato a 70 presepisti. Mons. Migliavacca, “ascoltare la parola di Dio e farla arrivare al cuore. Solo allora si potrà fare il presepe”

“Viviamo questo tempo verso il Natale come tempo di preparazione e di ascolto della parola di Dio per farla arrivare al cuore. Solo allora si potrà fare un presepe che diventerà accoglienza del Signore”. Lo ha affermato sabato il vescovo di San Miniato, monsignor Andrea Migliavacca, in occasione della consegna ad oltre settanta presepisti “il mandato a fare il presepe” sull’esempio di San Francesco e della benedizione delle immaginette di Gesù Bambino che saranno collocate nei presepi la notte di Natale. In Toscana, grazie al coordinamento “Terre di Presepi” che ha messo in rete paesi e natività, lo scorso anno si è generato un movimento che ha mosso complessivamente un milione di visitatori. Nell’omelia, mons. Migliavacca ha richiamato le parole del profeta Gioele che sono “un annuncio di una notizia bella e buona che deve essere ascoltata e la buona notizia è che il Signore viene”. “Questo annuncio che è una parola bella – ha aggiunto – è un annuncio di gioia, è l’annuncio che anche presepe vuole fare risuonare”. Secondo il vescovo, “le creazioni che voi farete, le tappe diverse che avremo in Toscana nelle nostre diocesi con i vari presepi da visitare, da incontrare, diventano un messaggio per far risuonare nella nostra terra un annuncio bello di un tempo che si è compiuto. C’è una notizia nuova, c’è una notizia di vita che ci raggiunge”. Migliavacca ha sottolineato poi l’importanza dell’ascolto come condizione indispensabile in cui porsi prima di costruire il presepe. “Credo che l’ispirazione di un presepe, insieme alla scena di Betlemme, nasca dall’aver imparato ad ascoltare le parole. E sono le parole della nostra gente, della vita, del nostro mondo, parole che – ha osservato – raccontano eventi lieti e tristi, parole che raccontano i problemi di oggi che vengono rilette e annunciate attraverso il presepe. Il presepe racconta la buona notizia e racconta la parola di Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia