A Sua Immagine: p. Epifani, “nel programma un Vangelo più incarnato nella storia dell’uomo di oggi”

“Volevamo nel programma un Vangelo più incarnato nella storia dell’uomo di oggi, meno legato a un commento televisivo classico. L’obiettivo è trasmettere l’idea che il Vangelo non sia qualcosa di lontano dalla realtà, bensì prossimo alla vita di tutti i giorni, alle persone”. Così padre Gianni Epifani, che con Laura Misiti firma la trasmissione tv “A Sua Immagine”, spiega la scelta di affidare all’interno del programma il commento al Vangelo a sacerdoti che animano le periferie. Una decisione data dall’“esigenza di rispondere all’invito di Papa Francesco ad avere una Chiesa in uscita, in mezzo alla gente per annunciare il Vangelo”, precisa Epifani. “I sacerdoti scelti – osserva – sono tutti testimoni della Chiesa che quotidianamente abitano le periferie, toccano la carne dei poveri e degli ultimi, come direbbe il Papa”. Epifani annuncia poi che “in autunno, con il nuovo anno liturgico, lo spazio dedicato al commento del Vangelo, ‘Le ragioni della speranza’, sarà guidato da don Luigi Ciotti, che torna ad ‘A Sua Immagine’ dopo una parentesi avuta negli anni precedenti”. “Con lui – aggiunge – avremo una serie di incontri speciali, con personaggi anche del panorama artistico e culturale italiano”, il primo dei quali sarà con “il cantante Vasco Rossi, nella puntata in onda sabato 14 ottobre”. Epifani è anche responsabile della messa domenicale trasmessa su Rai Uno, “uno degli appuntamenti più seguiti della domenica mattina insieme all’Angelus di Papa Francesco”. “Possono richiedere la messa in tv su Rai Uno tutte le parrocchie italiane – ricorda padre Epfani – facendo semplicemente una domanda attraverso il portale dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia