Società civile: il 21 ottobre in piazza a Roma contro il razzismo. “Vogliamo diritti uguali per tutti”

Il 21 ottobre si svolgerà a Roma una manifestazione nazionale contro il razzismo, per la giustizia e l’uguaglianza, a cui hanno aderito decine di ong, organizzazioni sociali, politiche, sindacali, studentesche, culturali, tra cui molte realtà cattoliche. L’appuntamento è alle 14.30 a Piazza della Repubblica, per un corteo che si concluderà a Piazza Vittorio. “Scenderemo in piazza per dire che non accettiamo la riduzione dei diritti, a cominciare da quelli dei migranti, che ci opponiamo alle derive xenofoba e razziste che stanno prendendo piede nel nostro Paese e nella Ue – si legge in una nota diffusa dall’Arci -, agli accordi con i Paesi di origine e transito dei migranti che, in cambio di soldi, si impegnano a bloccare chi tenta di scappare da un presente e un futuro di violenza e povertà prima che raggiunga le frontiere europee, rinchiudendoli in lager come quelli libici o rimpatriando le persone in Paesi in cui non sono garantiti i diritti umani. Scenderemo in piazza perché venga abolita non solo la legge Bossi-Fini, ma anche le più recenti leggi discriminatorie Minniti-Orlando”.
Nell’appello si chiedono “canali di ingresso sicuri e legali, un sistema d’accoglienza che garantisca dignità e integrazione, una revisione dell’accordo che obbliga chi chiede asilo a fermarsi nel primo Paese d’arrivo”. E “che a tutti i soggetti socialmente più fragili, italiani o stranieri, venga garantita una vita dignitosa, come è previsto dalla nostra Costituzione, e che quindi si attuino politiche per contrastare e ridurre le disuguaglianze sociali”. Il 21 ottobre in piazza a Roma “per chiedere diritti uguali per tutte e tutti”. Per adesioni: 21ottobrecontroilrazzismo@gmail.com

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia