Diocesi: card. Bassetti a Pescara, “la città dell’uomo ha bisogno del pane e della grazia”

La vita religiosa e la vita civile – se sono ben comprese – non si ostacolano, “anzi, favoriscono senza dubbio la convivenza e il bene comune. Nell’ottica della fede, la città non è un corpo estatico, ma un organismo vivente dove ognuno fa la sua parte affinché tutto funzioni alla perfezione. Dà l’idea tanto cara al sindaco di Firenze – la mia città d’origine – Giorgio La Pira, che si può sintetizzare in questo modo: la città dell’uomo ha bisogno del pane e della grazia. Pane, concretamente, vuol dire casa, lavoro, ospedali, scuole. Tutti bene materiali, ma con la dimensione trascendente, perché l’uomo non è soltanto fatto di materia, ma di anima e spirito”. Lo ha detto ieri sera il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città delle Pieve e presidente della Cei, a Pescara nella Santa Messa in onore del patrono della città e dell’arcidiocesi di Pescara-Penne, San Cetteo. “La stagnante situazione economica, solo in parte mitigata dagli ultimi tempi – ha osserva il porporato -, mette in evidenza in modo inderogabile alcune questioni cruciali per il futuro della nostra società. La forte disoccupazione giovanile e le difficilissime condizioni di esistenza che sono costrette a vivere migliaia di famiglie sono vicende drammatiche che riguardano l’intero Paese e che necessitano di risposte autorevoli, concrete e urgenti”. Per questo, il card. Bassetti ha rivolto un appello alla politica: “A tutti gli uomini e le donne di buona volontà che si occupano della cosa pubblica, e che hanno veramente a cuore il bene comune, voglio ricordare con mitezza, ma con decisione, che le persone non possono rimanere in alcun modo senza il pane quotidiano. Quindi, tutti hanno diritto al lavoro”. D’altro canto, è un problema anche se viene a mancare la grazia, “cioè il senso religioso ed etico del vivere, con i suoi valori, le sue prospettive che vanno al di là di questa vita. Tutto perde senso, si cade nel nichilismo materialista, che fa avvizzire ogni realtà. Pane e grazie sono, dunque, i cardini che reggono una comunità, un’intera città”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia