Papa Francesco: a convegno vocazioni, “i giovani oggi hanno bisogno di una sorgente di acqua fresca”

“Ringrazio monsignor Galantino per le sue cortesi parole; e mi congratulo per l’impegno con cui portate avanti questo appuntamento annuale, nel quale si condivide la gioia della fraternità e la bellezza delle diverse vocazioni”. È quanto si legge nel testo consegnato dal Papa durante l’udienza ai partecipanti al Convegno promosso dall’Ufficio Cei per la pastorale delle vocazioni, sul tema “Alzati, va’ e non temere. Vocazioni e Santità: io sono una missione”. “Davanti a noi si apre l’orizzonte e il cammino verso l’Assemblea sinodale del 2018, sul tema : ‘Giovani, fede e discernimento vocazionale’’, ricorda Francesco: “Il ‘sì’ totale e generoso di una vita donata è simile ad una sorgente d’acqua, nascosta da tanto tempo nelle profondità della terra, che attende di sgorgare e scorrere all’esterno, in un rivolo di purezza e freschezza. I giovani oggi hanno bisogno di una sorgente d’acqua fresca per dissetarsi e poi proseguire il loro cammino di ricerca”. “In questo orizzonte si colloca anche il vostro servizio, con il suo stile di annuncio e di accompagnamento vocazionale”, sottolinea il Papa, secondo il quale “tale impegno richiede passione e senso di gratuità. La passione del coinvolgimento personale, nel saper prendervi cura delle vite che vi sono consegnate come scrigni che racchiudono un tesoro prezioso da custodire. E la gratuità di un servizio e ministero nella Chiesa che richiede grande rispetto per coloro di cui vi fate compagni di cammino. È l’impegno di cercare la loro felicità, e questo va ben oltre le vostre preferenze e aspettative”. “Siate seminatori di fiducia e di speranza”, l’invito di Papa Francesco sulla scorta di Benedetto XVI.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa