Immigrazione: Rossini (Acli), “il modello dell’accoglienza è lo Sprar”

“Le migrazioni vanno gestite e non combattute. Per questo, le Acli auspicano un ricorso più massiccio allo Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, che prevede il coinvolgimento a livello territoriale degli enti locali che, con il prezioso supporto delle realtà del terzo settore, garantiscono interventi di ‘accoglienza integrata’ che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio”. Lo afferma Roberto Rossini, presidente nazionale delle Acli. “L’attuale modello di accoglienza – continua Rossini – troppo spesso è al limite del rispetto della condizione umana e dei dettami del diritto internazionale. Il sistema sta fallendo nella sua missione di accoglienza, concentrando prevalentemente i suoi sforzi in una deriva molto simile a una reclusione coatta e sommaria”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa