Diocesi: Taranto, oggi festa all’oratorio della cattedrale per i 5 anni dall’ingresso dell’arcivescovo Santoro

Cinque anni fa, in queste ore, l’arcivescovo della diocesi di Taranto, monsignor Filippo Santoro, faceva il suo ingresso ufficiale in città. Oggi la comunità ionica lo ricorda con una festa promossa dall’oratorio della cattedrale di San Cataldo. “Festeggiamo il nostro parrocchiano più illustre – ha spiegato il parroco del duomo, monsignor Emanuele Ferro – che vive accanto a noi e tanto sostiene l’opera educativa dell’oratorio stesso. Desideriamo ringraziarlo simbolicamente, con un momento semplice, familiare, manifestando un affetto grato e così continuare il nostro impegno a seguirlo, perché è lui che ha riacceso i fari su tutte le emergenze che riguardano il centro storico di Taranto”. La serata prenderà il via con l’ottetto di fiati dell’Orchestra Santa Cecilia e gli insegnanti e maestri di banda dell’oratorio, che eseguiranno le pastorali più significative della tradizione tarantina diretti dal maestro Giuseppe Gregucci e con il soprano Daniela Abbà. Poi ci sarà il monologo dell’attore Giovanni Guarino, intitolato “La storia più bella del mondo” e verranno consegnati ai 65 piccoli atleti della scuola calcio dell’oratorio altrettanti kit sportivi. La festa proseguirà poi all’ esterno, nella piazza del duomo. “Quello di formare una banda, avviando dei corsi tenuti da docenti qualificati, è un altro piccolo sogno a cui stiamo pian piano dando forma sull’isola. Con questa serata – conclude monsignor Ferro – vengono messi in luce i talenti di cui l’oratorio è divenuto scuola. L’obiettivo è diventare laboratorio, famiglia di famiglie”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa