This content is available in English

Ue: Timmermans (Commissione), “politica è democrazia, responsabilità e soluzione ai problemi. Noi non scappiamo”

Frans Timmermans

(Strasburgo) Non aggirare i problemi, ma affrontarli nella loro complessità, senza semplificazioni, evitando le bugie. Utilizzando il metodo democratico – maggioranze, opposizioni – e passando per la via delle scelte responsabili e delle loro conseguenze. Una lezione di politica quella tenuta in chiusuta di dibattito nell’emiciclo dell’Europarlamento dal vice presidente vicario della Commissione Ue, Frans Timmermans. Il politico olandese ha presentato all’aula il programma di lavoro dell’Esecutivo per il 2017, per forza di cose segnato da Brexit, migrazioni, economia e lavoro, budget Ue, innovazione e investimenti, sicurezza. Alle pesanti critiche delle fasce euroscettiche e anti-Ue che siedono al Parlamento di Strasburgo, Timmermans risponde con “la necessità di cambiare” per “rispondere alle attese dei cittadini”, ma senza cedere di un passo a chi “vuole distruggere l’Europa” comunitaria come progetto di pace, cooperazione e sviluppo. Difende a spada tratta il suo presidente, Jean-Claude Juncker, al quale le estreme politiche chiedono un passo indietro: “La differenze tra Juncker e Farage è chiara. La politica è fatta di responsabilità, mentre chi non l’accetta scappa. Scappa dall’Europa, scappa dai problemi”. Analizza il dopo Brexit nel Regno Unito: divisioni politiche, Paese isolato, sterlina che si deprezza. Infine: “Sappiamo che dobbiamo cambiare rotta, ci assumiamo questo impegno per il futuro dei nostri cittadini”. Tre quarti dell’aula si alza in piedi per un lungo applauso.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia