Solidarietà: Rocca (Croce rossa italiana), “arrivare nelle zone d’ombra dove vivono nuovi poveri”

“Senza organizzazioni come il Banco farmaceutico, sarebbe molto più difficile, se non impossibile, riuscire a soddisfare le richieste di aiuto che riceviamo in ogni situazione, dai centri per persone migranti alle unità di strada per i nuovi poveri”, ha detto questa mattina a Roma Francesco Rocca, presidente nazionale di Croce rossa italiana. Rocca è intervenuto alla presentazione, presso il ministero della Salute, del Bilancio sociale 2015 della Fondazione Banco farmaceutico onlus. “Realtà come Croce rossa e Banco farmaceutico che operano sul territorio e che si prendono cura delle persone vulnerabili – ha proseguito – riescono ad arrivare in quelle zone d’ombra dove vivono nuovi poveri, senza fissa dimora e migranti che altrimenti rischierebbero di diventare sempre più invisibili e di essere messi ai margini della nostra società”. Evitare gli sprechi, sensibilizzare i cittadini e far arrivare i farmaci a chi ha bisogno: questa la mission condivisa da Croce rossa e Banco farmaceutico.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa