Papa Francesco: udienza, la sera prego “Signore, se vuoi, puoi purificarmi”. “Pensare alle piaghe di Gesù”

“Quando ci presentiamo a Gesù, non è necessario fare lunghi discorsi, bastano poche parole purché accompagnate da piena fiducia per la sua onnipotenza e la sua bontà”. Ne è convinto il Papa, che soffermandosi sul miracolo della guarigione del lebbroso, ha fatto ai 15mila fedeli presenti oggi in piazza San Pietro “una confidenza personale”: “Alla sera, prima di andare a letto – le parole di Francesco pronunciate a braccio – io prego questa breve preghiera: ‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi’. E prego cinque Padre Nostro, uno per ogni piaga di Gesù, perché Gesù ci ha purificato con le piaghe”. “Questo io faccio, potete farlo anche voi a casa vostra – l’invito sempre fuori testo – e dire: ‘Signore, se vuoi, puoi purificarmi!’, e pensare alle piaghe di Gesù e dire un Padre Nostro per ognuna”. “E Gesù ci ascolta sempre!”, ha assicurato il Papa ancora fuori testo. Alla fine della catechesi, il Papa ha ripetuto ancora una volta a braccio il suo invito: “Fatelo, fatelo prima di andare a letto, tutte le sere: ‘Signore, se vuoi puoi purificarmi’. Ripetiamolo tre volte, tutti insieme”, l’esortazione finale. Il lebbroso, ha ricordato il Papa all’inizio della catechesi, “non chiede solamente di essere guarito, ma di essere purificato, cioè risanato integralmente, nel corpo e nel cuore”, perché “la lebbra era considerata una forma di maledizione di Dio, di impurità profonda. Il lebbroso doveva tenersi lontano da tutti, non poteva accedere al tempio e a nessun servizio divino”. “Lontano da Dio e lontano dagli uomini”, ha commentato: “Era triste la vita di queste persone”. Nonostante ciò, quel lebbroso “non si rassegna né alla malattia né alle disposizioni che fanno di lui un escluso”: “Per raggiungere Gesù, non temette di infrangere la legge ed entra in città – cosa che non doveva fare, gli era vietato – e quando lo trovò gli si gettò dinanzi, pregandolo: Signore, se vuoi, puoi purificarmi”. “Tutto ciò che quest’uomo considerato impuro fa e dice è espressione della sua fede!”, ha esclamato Francesco, secondo il quale il lebbroso “riconosce la potenza di Gesù: è sicuro che abbia il potere di sanarlo e che tutto dipenda dalla sua volontà”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori