Anziani: don Arice (Cei), “attività sanitaria riscopra dignità corpo umano ”. Rapporto fiducia medico paziente sia “inscalfibile”

“La dignità piena, inalienabile e non graduabile di ogni essere umano, ossia il valore che ogni uomo possiede per il semplice fatto di esser uomo e di esistere è ciò che lo qualifica persona, individuo unico e irripetibile” non “va data, ma riconosciuta”. Ne è convinto don Carmine Arice, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei. Intervenuto al convegno “Dignità della persona anziana e qualità della cura. Una sfida ad abuso e contenzione”, in corso a Roma per iniziativa del suo Ufficio e della Società italiana di gerontologia e geriatria (Sigg), don Arice si sofferma sulla “cultura dello scarto” più volte denunciata da Papa Francesco e ribadisce la “sacralità della vita dal concepimento alla morte naturale”. Un riconoscimento, quello della dignità della persona, che si esprime “nella relazione con il suo corpo”. Per questo “l’attività sanitaria ha bisogno di riscoprire la grande dignità intrinseca del corpo umano” come “dono da custodire e curare”, parte integrante della persona. E se il corpo “è anche limite”, malattia e morte, “il nostro compito non è tanto quello di pretendere che la malattia e la morte non esistano più, ma aiutare le persone nella ricerca di senso che la fragilità umana impone”. Don Arice invita gli operatori sanitari ad accettare i propri limiti offrendo al paziente anziano una “cura attenta e integrale di tutta la persona”. Auspicabile “una riconsiderazione attenta del Giuramento di Ippocrate riprendendo il testo primigenio là dove recita ‘Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, né suggerirò un tale consiglio'”. “Riflettiamo – il monito di don Arice – su quel ‘neppure se richiesto’ omesso nell’attuale codice deontologico sul quale giurano i neolaureati medici”, perché “il rapporto di fiducia tra operatore sanitario e paziente deve esser certo e inscalfibile”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori