Società: solidarietà della Chiesa di Sicilia a Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi

Il vescovo di Patti porterà la solidarietà della Chiesa di Sicilia a Giuseppe Antoci, presidente del Parco dei Nebrodi, già da tempo sottoposto a tutela per minacce della mafia e di recente oggetto di un pesante agguato. Lo ha reso noto il presidente della Conferenza episcopale siciliana, mons. Salvatore Gristina, a conclusione della Giornata sacerdotale organizzata dalla Commissione presbiterale siciliana che si è svolta ieri, presso il Santuario mariano “Madonna della Milicia”, ad Altavilla Milicia (Palermo). Mons. Ignazio Zambito, vescovo di Patti, incontrerà Antoci domani pomeriggio, alle ore 17, e si farà portavoce di tutti i presuli dell’isola. Manifesterà “la vicinanza a lui e, con lui, a quanti sono vessati dalla criminalità e da chi pratica l’ingiustizia: nella sofferenza non c’è da avere ragione o torto, c’è da essere solidali. Ma è innegabile – dice mons. Zambito – che non sempre basta assicurare il rispetto delle leggi: se ci limitiamo a questo rischiamo di sentirci con la coscienza a posto senza che questa invece lo sia. Basti pensare alle tante leggi inique, quali quelle che permettono l’aborto, le guerre o che rendono possibile un divario economico umiliante tra le persone. Occorre guardare oltre: alla crescita della persona, al rispetto della sua dignità”.
Da mons. Zambito, però, anche un monito e un invito: “Come sacerdote e come vescovo non posso certamente solo limitarmi a farmi vicino a chi subisce, ma devo gridare a chi questi atti commette, a chi viene e chiederci i sacramenti e poi agisce iniquamente – aggiunge il presule – perché a noi interessa ogni uomo, ogni singolo uomo, nessuno escluso”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia