Vescovi Brasile: invito ai laici cattolici a impegnarsi nella politica locale

I laici cristiani non possono “abdicare alla partecipazione alla politica”. Lo affermano in un messaggio i vescovi brasiliani riuniti in assemblea generale. Il testo è stato presentato ieri in una conferenza stampa tenuta dal presidente della Cnbb, l’arcivescovo di Brasilia dom Sergio da Rocha. L’invito riguarda le imminenti elezioni comunali, ma sullo sfondo c’è la tesissima situazione politica nazionale, visto che il Parlamento è chiamato a esprimersi in questi giorni sull’impeachment alla presidente Dilma Rousseff.
Scrivono i vescovi: “I cristiani cattolici, in modo particolare, sono chiamati a dare ragione della loro speranza in questo momento di crisi in cui passa il Brasile”. I vescovi della Cnbb sottolineano l’importanza della vicinanza dei candidati agli elettori. Questo però, se da un lato facilita le relazioni, dall’altra parte può portare a pratiche riprovevoli come l’acquisto di voti.
“La compravendita di voti e l’uso della macchina amministrativa nelle campagne elettorali – ricordano i vescovi – sono reato elettorale che va contro l’onore del votante e contro la cittadinanza. Esortiamo gli elettori a conoscere bene i candidati”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo