Maternità surrogata: Fafce, “violazione dignità umana”. Appello a capi di Stato e governo per sua abolizione

“Ferma condanna” della pratica della maternità surrogata, che “si sta diffondendo in tutto il mondo, sta creando un pendio scivoloso verso il diritto al figlio, non ha rispetto per la dignità umana e i principi etici fondamentali”. A esprimerla è il Comitato direttivo della Federazione europea delle associazioni delle famiglie cattoliche (Fafce). Riunito a Fatima per l’incontro di primavera del Board, il Comitato ha approvato una delibera sul tema nella quale rivolge anche un appello per l’abolizione di questa pratica. “Noi presidenti e delegati del Comitato direttivo Fafce – si legge nel testo – condanniamo fermamente ogni forma di maternità surrogata, che strumentalizza donne e bambini, sia quando è accompagnata da una transazione finanziaria, sia quando non lo è”. La maternità, prosegue il documento, “è un dono inestimabile per l’umanità e deve essere rispettata e protetta. Nessun bambino dovrebbe essere deliberatamente privato della madre”. Per la Federazione non esistono ragioni per legittimare la maternità surrogata, “né sul piano legale, né sul piano etico”. Di qui la richiesta “a tutti i capi di stato e di governo di agire a favore dell’abolizione della maternità surrogata tramite una specifica convenzione internazionale o un protocollo aggiuntivo alla Convenzione internazionale dei diritti del fanciullo”.
“Accogliamo con favore – prosegue la Fafce – la chiara posizione adottata dal Parlamento europeo, espressa nel Report annuale sui diritti umani e la democrazia nel mondo 2014, e la politica dell’Unione europea in materia, che ha condannato la maternità surrogata, affermando che “sarà vietata e trattata come una questione di urgenza negli strumenti sui diritti umani”. La Fafce invita anche i membri dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa a seguire questa strada a favore della dignità umana. In particolare, si legge nella risoluzione, “invitiamo i membri della Commissione affari sociali a portare avanti la procedura in materia di diritti umani e questioni etiche legate alla maternità surrogata, per condannare chiaramente questa pratica”. “Ci appelliamo a tutte le persone di buona volontà affinché esprimano la loro opposizione alla maternità surrogata. Chiediamo anche a tutte le organizzazioni che si oppongono” a tale pratica di “unire le forze e fare sentire la propria voce, di fronte gli interessi finanziari e ideologici che vi stanno dietro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo