Disuguaglianze: Costa (Ministro della Famiglia) “Presto un testo unico della famiglia”

“Da liberale sono abituato a prediligere una condizione che ponga tutti allo stesso livello alla base di partenza. Quando ci sono dei bambini che partono invece da condizioni così diverse io credo sia necessario non solo studiare i numeri ma cercare di imporre dei provvedimenti che consentano di colmare gli squilibri”. Lo ha detto Enrico Costa, ministro per gli Affari regionali e le autonomie con delega alle politiche per la famiglia, a margine della conferenza di presentazione del rapporto stilato dall’Unicef sulle disuguaglianze fra i bambini di 41 Paesi dell’Unione europea e dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Il rapporto pone in particolare l’Italia agli ultimi posti della classifica, addirittura al 32esimo posto nella media delle quattro dimensioni analizzate (salute, reddito, rendimento scolastico e soddisfazione nei confronti della vita) . “È importante dare una dignità all’istituto familiare come nucleo della nostra società – ha continuato il ministro Costa – ma è anche fondamentale che tutte le famiglie siamo in condizione di vivere dignitosamente. In Italia abbiamo dei bambini poveri ma anche tante famiglie in difficoltà in termini di accesso alle cure, alle attività sportive ed educative”. Sugli interventi da apportare nell’immediato in materia, il ministro ha dichiarato: “Nel nostro ordinamento abbiamo molte norme che sostengono le famiglie ma sono frammentate e disordinate. È necessario quindi renderle organiche e per questo abbiamo previsto nel Def di realizzare un testo unico della famiglia per mettere insieme tutte le misure che lo Stato ha già scelto”. Riguardo alla norma sulle unioni civili il ministro, infine, si è detto convinto che si arriverà a una conclusione entro il mese di aprile.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo