Associazionismo: 40 anni Scout d’Europa, una veglia di preghiera a Rieti e un convegno sull’educazione a Roma

Una veglia di preghiera per i 40 anni dell’associazione: è quella che il Gruppo scout interparrochiale Rieti 2 “Marco Tempesta” ha in programma questa sera con inizio alle 19 presso il cortile del Divino Amore, in via dei Geranei. Un momento di comunione che si concluderà intorno alle 20 nell’attigua chiesa san Pietro Martire, al quale sono inviatati a partecipare, oltre agli scout e capi in attività, tutti coloro che hanno fatto parte dell’associazione o comunque si sentono vicini al movimento scout. Gli Scout d’Europa sono stati fondati il 14 aprile 1976 e ad oggi contano quasi 20 mila tesserati a livello nazionale. A Rieti gli iscritti sono 120, suddivisi tra le parrocchie di Regina Pacis (lupetti e coccinelle), San Giovanni Battista in Campoloniano (esploratori), Sacro Cuore di Gesù in Quattro Strade (guide e scolte) e Santa Lucia (rover). A livello locale, come nel resto del Paese, l’associazione è cresciuta costantemente nel tempo e continua a portare avanti l’idea educativa di lord Baden Powell, puntando a formare buoni cittadini e buoni cristiani. Questo fine settimana, i vertici associativi si troveranno a Roma per il convegno “Educare, un impegno da condividere” presso la basilica di Santa Croce in Gerusalemme.  Gli interventi delle relatrici – le docenti universitarie Chiara Giaccardi e Paola Del Toso – aiuteranno l’associazione a riflettere su come migliorare il servizio educativo nei confronti delle nuove generazioni. In programma anche una tavola rotonda, guidata dal giornalista Antonio Maria Mira, con esponenti del mondo ecclesiale e educativo a confronto sul tema dell’educazione alla fede inserita nella crescita personale dei giovani e nel rapporto con le famiglie.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo