Pace: mons. Fontana (Arezzo) ai giovani di Rondine, “prendetevelo questo mondo perché è vostro”

La consapevolezza di se stessi e delle sfide della contemporaneità. Questi i temi al centro della lectio magistralis che l’arcivescovo della diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Riccardo Fontana, ha tenuto ieri agli studenti del Quarto Anno Rondine, i 27 diciassettenni provenienti da tutta Italia che hanno scelto di frequentare un anno di scuola a Rondine. “La lezione dell’arcivescovo Fontana – afferma il presidente di Rondine, Franco Vaccari – porta la testimonianza della Chiesa cattolica in favore della pace alla luce di quel nuovo Umanesimo che proprio in questa terra trova le sue antiche radici spirituali e culturali”. “La società – come spiegato da mons. Fontana – deve tornare a essere inclusiva perché tutti gli uomini e le donne del pianeta sono fratelli e dobbiamo essere consapevoli delle necessità del mondo intorno a noi e imparare ad ascoltare storie di amore e di pace. Una pace che prima di tutto deve essere con se stessi”. L’invito dell’arcivescovo ai giovani è stato proprio quello di assumersi la responsabilità e il carico di questa Terra, di questa Storia che è quella dell’Umanità. “Prendetevelo questo mondo perché è vostro – ha concluso l’arcivescovo – perché il passaggio di consegne è in atto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa