Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Unicef: più di 250mila bambini colpiti dal conflitto in Colombia, 1.000 reclutati da gruppi armati

Più di 250.000 bambini sono stati colpiti dal conflitto in Colombia dal 2013, quando sono iniziati i colloqui di pace tra il governo e il principale gruppo di opposizione armata del paese (FARC-EP). Si stima che circa 1.000 bambini siano stati utilizzati o reclutati da gruppi armati non statali durante lo stesso periodo. Sono i dati che emergono dal nuovo rapporto dell’Unicef sul conflitto in Colombia. “Mentre i negoziati di pace per porre fine a mezzo secolo di guerra in Colombia proseguono, è indispensabile che gli interessi dei bambini e la loro protezione siano una priorità “, ha detto Roberto De Bernardi, rappresentante Unicef in Colombia. “Nessun bambino in Colombia oggi sa che cosa vuol dire vivere in un Paese in pace. È il momento di voltare pagina”. Secondo l’Unicef tra il 2013 e il 2015, il numero di bambini uccisi o feriti da mine e ordigni inesplosi è dimezzato, mentre il numero dei bambini sfollati è diminuito del 40%. Tuttavia, in questo stesso periodo, la violenza diffusa e la lotta senza soste tra le diverse parti in conflitto hanno continuato a mettere la vita dei bambini a rischio. Secondo i dati nazionali e delle Nazioni Unite: oltre 230.000 bambini sono sfollati; almeno 75 bambini sono stati uccisi e altri 180 feriti; quasi 130 bambini sono stati uccisi o feriti da mine e ordigni inesplosi; almeno 180 bambini sono stati vittime di violenza sessuale; 65 scuole sono state danneggiate dai combattimenti o utilizzati per scopi militari; almeno 10 insegnanti sono stati uccisi. “Anche se l’accordo di pace dovesse essere firmato domani, i bambini continueranno ad essere a rischio di tutti i tipi di violazioni, tra cui il reclutamento, le mine e lo sfruttamento sessuale”, ha detto De Bernardi. “A meno che questi bambini non ricevano il sostegno materiale e psicologico di cui hanno bisogno, le prospettive di una pace duratura resteranno deboli”. Invitando le parti in conflitto a mettere al primo posto gli interessi dei bambini, l’Unicef chiede di proteggere i bambini e le loro famiglie, aiutandoli a reintegrarsi nella società.

© Riproduzione Riservata
Mondo