This content is available in English

Papa Francesco e Patriarca Kirill: metropolita Hilarion (Mosca), “non si parla ancora del Papa a Mosca o del Patriarca a Roma”

“Per ora non si parla di una venuta del Papa a Mosca o del Patriarca a Roma”. Risponde così il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni esterne del Patriarcato di Mosca, in un’intervista rilasciata a “Interfax-Religion” e rilanciata questa mattina al Sir, in cui fa un bilancio dell’incontro tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill a Cuba. “Questa argomento – ha spiegato Hilarion – non è stato discusso nella riunione del Papa e del Patriarca”. “Si parla invece del fatto – ha aggiunto il metropolita – che dobbiamo far crescere la cooperazione, approfondire la comprensione reciproca, cercare di superare nel più breve tempo possibile il negativo che si è accumulato nei rapporti tra ortodossi e cattolici, e lavorare per la convergenza a livello dei cuori e delle menti. E poi il tempo ci farà vedere come agire. Credo che, quando le condizioni saranno mature per un altro incontro, allora decideremo quando e dove farlo”.
Proprio a questo riguardo, il numero due del Patriarcato di Mosca affronta la questione ucraina e la reazione “molto negativa” – così la definisce – che la dirigenza della Chiesa greco-cattolica ha avuto rispetto alla Dichiarazione comune firmata dai due primati delle Chiese di Roma e Mosca. “Il percorso che propongono il Papa e il Patriarca – dice Hilarion – è un percorso di cooperazione in quelle aree in cui tale cooperazione è possibile. È un cammino di rinuncia alla concorrenza e di passaggio a un rapporto fraterno. Ma – osserva Hilarion – i greco-cattolici non vogliono questo”. Nell’intervista, Hilarion fa intravedere come via di cooperazione possibile quella dei pellegrinaggi (come per esempio già accade a Bari per le reliquie di san Nicola). E riguardo alla possibilità di portare in Russia da Roma le reliquie degli apostoli Pietro e Paolo o quelle di san Giacomo dalla Spagna, Hilarion risponde: “Mi auguro che il primo scambio di reliquie si realizzi già nel corso di quest’anno”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa