Immigrati e salute: Caritas Roma, a febbraio il corso base in medicina delle migrazioni

La XXV edizione del Corso base in Medicina delle migrazioni si terrà a Roma dal 1° al 3 febbraio 2017, organizzato dalla Caritas di Roma con il patrocinio della Società italiana di medicina delle migrazioni (S.i.m.m.). Il corso, di primo livello, serve a “condividere alcune acquisizioni indispensabili per ridurre barriere conoscitive, relazionali, organizzative – spiega Salvatore Geraci, medico e responsabile area sanitaria Caritas di Roma – e favorire un reale esercizio del diritto alla salute per i cittadini non italiani presenti, a qualsiasi titolo, nel nostro Paese”. È coordinato da operatori con esperienza pluriennale nel campo della sanità delle migrazioni e indirizzato a medici, personale infermieristico, assistenti sociali, operatori sociosanitari, mediatori culturali e altre figure professionali. Quasi il 9% della popolazione nel nostro Paese è composta da cittadini non italiani, immigrati in Italia essenzialmente per motivi di lavoro e per ricongiungimento familiare. “In ambito sanitario – si legge nella presentazione del corso -, seppur con una normativa lungimirante che favorisce la piena inclusione di questa popolazione nei percorsi di tutela e di promozione della  salute, ancora esistono radicati pregiudizi, presunzioni, infondate reciproche, ostacoli ingiustificati che, congiuntamente a problematiche comunicative e culturali, rendono difficile e spesso inefficace l’accesso e la  fruizione dei servizi”.
Gli alti numeri dell’accoglienza di persone in fuga, ad esempio, “stanno ponendo alcune problematiche organizzative solo in parte affrontate in modo adeguato”. Il corso vuole essere anche “un’occasione d’incontro tra diverse realtà ed esperienze, per cercare di condividere  sollecitazioni ed approfondimenti, per pianificare un cammino d’integrazione in campo sanitario senza pregiudizi e semplificazioni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia