Disabilità: Previte (Cristiani per servire), “ogni vita va difesa in qualsiasi momento e condizione”

“Bisogna portare il nostro messaggio di pace, di giustizia, di serenità soprattutto là dove è necessario, perché i valori etici siano trasmessi alle nuove generazioni, perché il nostro prossimo, anche se sconosciuto, è chi ci sta accanto o incontriamo nelle strade delle nostre città e dei nostri paesi”, ma è soprattutto chi è “dimenticato dall’azione sociale e politica”. Lo scrive in un messaggio augurale per il nuovo anno Franco Previte, presidente dell’associazione “Cristiani per servire”. Previte ritiene una “palese grande ingiustizia” quello che definisce “abbandono dei malati cronici al loro destino” negli ospedali per un “superiore concetto di risparmio”, questione contro la quale l’associazione si batte da anni con petizioni al Parlamento italiano ed europeo. Nel messaggio per la 50ma Giornata mondiale della pace, Papa Francesco, prosegue Previte, “ci invita a una presa di coscienza dello stretto legame” tra il bene della pace e quello della vita, “dono del Creatore”. Nessuno, ammonisce, “può arrogarsi il diritto di decidere quando una vita non merita di essere vissuta. La vita va rispettata come il creato, con le condizioni di sviluppo della giustizia, dell’amore verso il prossimo e il rispetto della dignità di tutti”, specialmente la vita “scarsamente difesa, da disabile, da povero, da emarginato od in fin di vita”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia