Movimento per la vita: Gigli (presidente), “maggiore consapevolezza dell’imponente attività dei Cav”

“Vorremmo che questo convegno suscitasse una consapevolezza maggiore dell’imponente attività dei nostri Cav (Centri di aiuto alla vita) a favore delle madri, dei nascituri e di ogni vita minacciata”. Lo ha dichiarato Gianluigi Gigli, presidente del Movimento per la vita (Mpv), introducendo il 35° Convegno nazionale dei Cav intitolato “Storie d’amore immenso”. L’evento, organizzato dal Mpv, si sta svolgendo dal 6 all’8 novembre presso la Fraterna Domus di Sacrofano (Roma). “Si tratta – spiega Gigli – di un modo di promuovere la cultura della vita che vuole andare oltre la contrapposizione ideologica, aiutando invece, attraverso la testimonianza, a tener deste alcune domande inquietanti in una società sempre più anestetizzata e utilitarista”. “La nostra antropologia – conclude Gigli – si fonda sul riconoscimento del valore di ogni essere umano a qualunque stadio del suo sviluppo e in qualunque condizione si trovi a vivere. Siamo convinti di promuovere così anche pace e democrazia nel nostro Paese, facendo avanzare progetti di inclusione in una società che tende ad escludere e discriminare gli esseri umani più fragili, siano essi nascituri, gravi disabili, anziani o malati alla fine della vita”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori