Ballottaggi amministrative 2018: il centrodestra vince, crollo del Pd

L'affluenza alle urne per il secondo turno delle elezioni comunali è stata inferiore alla metà degli aventi diritto: 46,1%, con una netta diminuzione, in alcune situazioni un vero e proprio crollo, rispetto al voto di due settimane prima. Su 14 comuni capoluogo di provincia al ballottaggio, il centro-destra ha vinto in sette casi, il centrosinistra in quattro, il M5S in uno. Ci sono state poi le vittorie “personali” a Imperia e a Messina. Se si sommano i verdetti decisi già al primo turno, sempre per quanto riguarda i comuni capoluogo, il centrodestra ha eletto undici sindaci, il centrosinistra sei, il M5S uno

Domenica 24 giugno l’affluenza alle urne per il secondo turno delle elezioni comunali è stata inferiore alla metà degli aventi diritto: 46,1%, con una netta diminuzione, in alcune situazioni un vero e proprio crollo, rispetto al voto di due settimane prima. Su 14 comuni capoluogo di provincia al ballottaggio, il centro-destra ha vinto in sette casi, il centrosinistra in quattro, il M5S in uno. Ci sono state poi le vittorie “personali” a Imperia e a Messina. Se si sommano i verdetti decisi già al primo turno, sempre per quanto riguarda i comuni capoluogo, il centrodestra ha eletto undici sindaci, il centrosinistra sei, il M5S uno. Ma il dato politico più rilevante di questa seconda tornata è con tutta evidenza la sconfitta del centrosinistra nei tre capoluoghi della Toscana in cui si è votato. In quelle che erano considerate roccaforti elettorali del Pd e dei suoi alleati – Pisa, Massa e Siena – il centrodestra trainato dall’exploit della Lega ha portato al successo i propri candidati nelle sfide con quelli del centrosinistra. Che adesso, in una regione storicamente “rossa”,  esprime soltanto tre sindacisu undici comuni capoluogo. In dettaglio, a Pisa Michele Conti (52,29%) ha superato Andrea Serfogli (47,71%), a Massa Francesco Persiani (56,62%) ha battuto Alessandro Volpi (43,38), a Siena è prevalso Luigi De Mossi (50,80%) su Bruno Valentini (49,20%).

Ad Ancona, nell’unico comune capoluogo di regione, oltre che di provincia, chiamato alle urne, è stato confermato il sindaco uscente del centrosinistra, Valeria Mancinelli (62,78%), nel confronto con Stefano Tombolini (37,22%) del centrodestra. Quanto alle situazioni politicamente singolari a cui si accennava, a Imperia l’ex-sindaco ed ex-ministro forzista, Claudio Scajola (52,05%), ha sconfitto il candidato del centrodestra, Luca Lanteri (47,95%). A Messina ha vinto Cateno De Luca (65,28%), eletto a novembre consigliere regionale nelle liste dell’Udc, ma candidato a sindaco con il sostegno di alcune liste civiche. Liste che non hanno superato il quorum con la conseguenza paradossale che il neo-sindaco si ritrova, almeno in partenza, senza consiglieri comunali. Il suo sfidante è stato Dino Bramanti, del centrodestra, che si è fermato al 34,72%. Per restare in Sicilia, a Siracusa è stato eletto sindaco il “civico” di centrosinistra Francesco Italia (52,99%) che ha superato Paolo Reale (47,01%) del centrodestra.A Ragusa, dove finora il sindaco era stato espresso dal M5S, il “civico” di centrodestra Peppe Cassì (53,07%) ha battuto il candidato dei cinquestelle Antonio Tringali (46,93%). Il M5S ha invece “conquistato” Avellino con Vincenzo Ciampi (59,54%) ribaltando il risultato del primo turno che aveva visto in netto vantaggio il candidato del centrosinistra Nello Pizza ( 40,46%).

A Brindisi è stato eletto un sindaco di centrosinistra, Riccardo Rossi (56,61%), vincitore nella sfida con il centrista-forzista Roberto Cavalera (43,39%). Sindaco di centrosinistra anche a Teramo, dove Gianguido D’Alberto (53,3%) ha sconfitto Giandonato Morra (46,7%) del centrodestra. A Terni il ballottaggio è stato tra il candidato del centrodestra Leonardo Latini, eletto sindaco con il 63,42% dei voti, e il candidato del M5S Thomas De Luca (36,58%). A Viterbo il centrodestra ha avuto la meglio con Giovanni Arena (51,09%) sulla “civica” Chiara Frontini (48,91%). Sindaco di centrodestra anche a Sondrio, con il successo di Marco Scaramellini(60,37%) su Nicola Giugni (39,63%) del centrosinistra.

Da registrare, a Roma, il ballottaggio per il III Municipio (oltre 200 mila abitanti) che ha visto prevalere il candidato del centrosinistra, Giovanni Caudo, su quello del centrodestra, Francesco Maria Bova.

Altri articoli in Italia

Italia