Città metropolitane, i sindaci riuniti a Firenze: “Governo sia autorevole e credibile”

Si è tenuto a Firenze il coordinamento Anci dei sindaci delle Città Metropolitane, che si riunisce periodicamente nelle diverse Metrocittà. L’incontro si è svolto nella sala dei Duecento di Palazzo Vecchio. Al centro della riunione fiorentina, i Pon metropolitani, la situazione delle finanze, lo stato di attuazione della legge Minniti sulla sicurezza urbana a un anno dal varo, e le proposte per l’Agenda urbana di sviluppo sostenibile

Mentre la politica nazionale discute su come dare un governo al Paese, le città metropolitane uniscono le voci per chiedere “un interlocutore autorevole e credibile” con cui parlare dei temi più urgenti: lavoro e sicurezza, infrastrutture e ambiente.
È questo il messaggio che viene dal coordinamento dei sindaci delle città metropolitane che si è svolto in Palazzo Vecchio, a Firenze.

Rapporto con il governo. “Come sindaci siamo uniti, al di là delle rispettive appartenenze politiche, nel rappresentare i nostri cittadini, da cui abbiamo ricevuto un mandato diretto. Rappresentiamo una parte importantissima del Paese, e siamo tutti uniti: in questo contesto

parliamo con una voce sola, a differenza di quanto vediamo adesso nel dibattito pubblico”.

Lo ha affermato il sindaco di Firenze Dario Nardella introducendo l’incontro con la stampa, al termine dell’assise alla quale erano presenti, tra gli altri, anche i sindaci di Milano Giuseppe Sala, di Torino Chiara Appendino, di Bologna Virginio Merola. “Crediamo che sia urgente – ha affermato Nardella – avere un governo al quale presentare i temi che stanno a cuore alle nostre città”.

Ministero per le città. La necessità di avere al più presto “un governo autorevole” che possa essere un interlocutore per i sindaci, è la richiesta avanzata anche da Antonio Decaro, presidente dell’Anci e sindaco di Bari. Tra le proposte, anche quella di istituire “un ministero per le città che possa occuparsi dei problemi urbani”. “La campagna elettorale che si è appena conclusa – ha affermato Decaro – ha dimenticato le città. Come sindaci, noi

invitiamo a guardare ai problemi comuni delle città, con concretezza”.

Durante la conferenza è intervenuto anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala: “Lo sviluppo del Paese – ha affermato – parte dalle città. In Francia ci sono ministri che sono anche sindaci, probabilmente sarà così anche nel nuovo governo in Germania. In Italia serve un ministero che possa mantenere i contatti con le grandi città”.

Prossimo appuntamento a Torino. All’incontro di Firenze si è parlato anche di mobilità elettrica, con la possibilità di intensificare i punti di rifornimento nelle città da parte di Enel. Così le città declinano temi come quello dell’ambiente, cercando soluzioni concrete. Il prossimo incontro del coordinamento delle Città metropolitane sarà ospitato da Torino.

Altri articoli in Italia

Italia