Quando la poesia spezza le catene. Mauro: la morte

Dodici detenuti per dodici poesie, il Sir dà voce al progetto “FreeFromChains (liberi dalle catene)” che dà voce ad alcuni carcerati di Rebibbia. La poesia come strumento e opportunità di tornare a parlare e fare chiarezza dentro di sé.

Un pensiero con cui prima o dopo tutti ci si confronta: cos’è la morte? Quanto può fare paura? Eppure, nella solitudine della cella e nel trascorrere del tempo, diventa un’amica da non temere.

La morte

Morte è una parola misteriosa
quando ci pensi diventa uno specchio
dove vedi il tuo presente
e stai male
come nella notte
quando resti da solo a fissarla nei buio.
La morte fa paura
a tutti
nessuno ne è esente.
Ma quando ti avvicini alla vecchiaia
piano piano ti lasci andare
scivoli verso di lei
affidandoti al Mistero.

Altri articoli in Italia

Italia