Quando la poesia spezza le catene. Giuseppe: sono fiamma

Dodici detenuti per dodici poesie, il Sir dà voce al progetto “FreeFromChains (liberi dalle catene)” che dà voce ad alcuni carcerati di Rebibbia. La poesia come strumento e opportunità di tornare a parlare e fare chiarezza dentro di sé.

La corsa di chi vuole sentire più forte, più intenso un rapporto d’amicizia. Ma non è avventato come Icaro, né si lascia sopraffare dalle malelingue. Semplicemente vive, ardente di fuoco.

Sono fiamma

Brucio le tappe
rincorro il calore
che il rapporto infonde
alimento con forza
la fiamma dell’amicizia
spengo le lingue infuocate
che sprizzano menzogne
e come un palombaro
m’immergo nella quiete
dell’isola dell’amore
ma in ogni isola c’è un vulcano
sempre pronto ad eruttare
un fiume di lava
il fuoco dell’ardore
che per nostra gioia
accompagna l’amore.

Altri articoli in Italia

Italia