Il viaggio in Grecia

SAN PAOLO

9. LIDIA E LA CHIESA DI FILIPPI

Troia, Paolo sente in una visione il richiamo di un Macedone: “Passa in Macedonia e vieni in nostro soccorso!” (At. 16,9). Subito, egli veleggia verso la Grecia e si ferma a Filippi, città commerciale e colonia romana popolata da veterani e da contadini latini, ove il giudaismo è influenzato dall’ellenismo. La casa di Lidia, commerciante di porpora, che si fa battezzare con tutta la famiglia e ospita i missionari durante il loro soggiorno, diventa il centro di una comunità che si forma celermente e sarà una delle più fedeli a Paolo, portandogli affetto e aiuti materiali (2Cor. 11,8). E’ con essa che vorrà celebrare la Pasqua, qualche anno dopo, prima della sua partenza definitiva dalla regione del mar Egeo. Paolo è presto accusato di proselitismo dalle autorità locali. In questo tempo, non si distingueva bene il cristianesimo dal giudaismo. Anche se il giudaismo godeva di uno statuto privilegiato. Paolo, per la prima volta, viene dunque messo in prigione, insieme a Sila. A mezzanotte, mentre sono intenti a pregare e a cantare, un terremoto libera i prigionieri; vedendo le porte aperte, il centurione tenta di uccidersi (cf. At. 16,25-27). “Siamo tutti qui”(At. 16,28), gli grida Paolo. Il centurione si fa battezzare con la sua famiglia. Paolo rivendica la sua cittadinanza romana per essere liberato non in segreto ma “in trionfo”, prima di fare ritorno alla casa di Lidia. 10. TESSALONICA: LUOGO DI CULTO FAMILIARE

Opposizione degli Ebrei, questa volta, quando Paolo si reca alla Sinagoga, come di sua abitudine e spiega, sulla base delle scritture, che “nel corso di tre shabbat, il Cristo doveva morire e resuscitare” (At. 17,2-3). L’accusa di fomentare un’agitazione contro la legge imperiale spinge i fratelli ad organizzare la sua partenza per Berea. Ma, perseguitato dagli Ebrei di Tessalonica, deve ancora una volta fuggire, via mare, fino ad Atene, ove sarà raggiunto da Sila e da Timoteo. Poco dopo, la comunità di Tessalonica riceverà le due prime Lettere di Paolo; vi si legge il fervore e le inquietudini di una giovane Chiesa. A Tessalonica, presso Giasone, così come a Filippi presso Lidia, il luogo di culto e di religione era la casa, ossia la famiglia, con quanto vi gravitava intorno: le relazioni sociali ed il lavoro. 11. ATENE, GLI IDOLI

Nella capitale dell’ellenismo, ove si viene a studiare da tutto l’Impero romano, Paolo incontra la cultura greca, “fremente nel vedere la città piena di idoli” (At. 17,16). Egli predica tanto in Sinagoga quanto in pubblica piazza – fino all’Aeropago – suscitando così la curiosità di intellettuali, “epicurei o stoici”, ma poca adesione alla fede cristiana. “Ho trovato anche una scritta: Al Dio sconosciuto. Colui che adorate senza conoscerlo, ve lo annuncio” (At. 17,23). (Paolo non cita questo episodio. Questo genere di discorso evoca piuttosto la predicazione dei primi missionari nelle chiese elleniche della fine del I secolo, davanti a dei pagani influenzati dallo stoicismo. L’assenza di ogni accenno alla croce e alla salvezza fanno dubitare del fatto che Paolo lo abbia mai pronunciato).

(Fonte: www.annopaolino.org)

Altri articoli in Dossier

Dossier