Quotidiano

La nota di Diego Fares

Una meditazione con respiro e passo sinodale

Nel leggere la meditazione è importante tenere conto di questo gesto di Francesco di compiere un passo di collegialità ponendosi all’ascolto dei suoi fratelli nell’episcopato, anche “disposto a sentire opinioni non piacevoli”. Un discorso che, pur essendo stato consegnato per più tardi, si è convertito in una meditazione intima, al termine di un incontro ravvicinato e “coinvolgente”, in cui l’elezione del nuovo presidente della Cei va vissuta come “un segno d’amore alla Santa Madre Chiesa, amore vissuto con discernimento spirituale e pastorale, secondo una sintesi che è anch’essa dono dello Spirito”

Altri articoli in primo piano

Dai settimanali e periodici diocesani

Foto e video

Approfondimenti

Giornata mondiale gioventù

Gmg2016

Commenti al Vangelo