Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Consiglio europeo: Tajani (Parlamento Ue), Ue “malata ma risponda ad attese cittadini”. Due velocità? No a cambiare i Trattati

(Bruxelles) “L’Europa così com’è non va. Va rilanciata dal punto di vista politico” perché “abbiamo grosse sfide da affrontare insieme”. “Serve un’Europa politica, che agisca secondo il principio di sussidiarietà”. Incalzato dalle domande dei giornalisti, il presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani, che oggi è intervenuto aprendo il Consiglio europeo, spiega alcune sue posizioni rispetto alla crisi che attraversa l’Ue. È a suo avviso necessario “stare uniti per risolvere i problemi”. Occorre proseguire il percorso tracciato dai fondatori e “regalare ai nostri cittadini un sogno. In Europa abbiamo avuto settant’anni di pace, la libertà regna sovrana, i diritti delle persone sono rispettate al massimo livello…”. “Lo stato di salute dell’Ue è quello di una realtà forte, che deve curare qualche malanno”. “Per quanto riguarda le diverse velocità direi che non è questo il momento di cambiare i trattati. I quali già consentono di intraprendere delle scelte per approfondire l’integrazione. Ma occorre agire nell’ambito dei Trattati. Anche perché il primo compito oggi è dare risposte concrete alle attese dei cittadini”.

© Riproduzione Riservata
Europa