Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Ue: presidente Mattarella, “Europa strumento essenziale di stabilità, pace, crescita economica e progresso”

“La celebrazione di questo anniversario richiede che sul percorso di integrazione europea si svolga una riflessione, la cui necessità è accresciuta dall’uscita, per la prima volta, di un Paese dell’Unione, il Regno Unito, membro dal 1973”. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha svolto in mattinata un intervento alla Camera, durante una seduta che celebrava i 60 anni della firma dei Trattati Ue. Ampia la parte di quadro storico, in cui Mattarella ha ricostruito le origini e i primi passi della Comunità. In tale contesto il presidente ha affermato: “I padri dell’Europa, che dettero vita ai Trattati, con il consenso democratico dei loro Paesi, non erano dei visionari bensì degli uomini politici consapevoli delle sfide e dei rischi, capaci di affrontarli. Uomini che hanno avuto il coraggio di trasformare le debolezze, le vulnerabilità, le ansie dei rispettivi popoli in punti di forza, mettendo a fattor comune le capacità di ciascun Paese e puntando a realizzare una grande società aperta, nella quale libertà, democrazia e coesione fossero reciprocamente garantite”. L’Europa “che abbiamo conosciuto in questi anni è stata uno strumento essenziale di stabilità e di salvaguardia della pace, di crescita economica e di progresso, di affermazione di un modello sociale sin qui ancora ineguagliato, fatto di diritti e civiltà”.

© Riproduzione Riservata
Europa