Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Ue: Presidente Mattarella, “Europa ripiegata. Ma nessun ritorno ad antiche sovranità nazionali può garantire sviluppo e benessere”

Nel suo intervento al Parlamento dedicato al processo di integrazione, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha segnalato le costanti difficoltà che hanno accompagnato la storia della Cee e ora della Ue. “La spinta all’unità europea si è sempre rivelata, comunque, più forte degli arroccamenti e delle puntigliose distinzioni pro-tempore di singoli governi o di gruppi di Paesi, giocando un ruolo significativo anche nel contributo alla evoluzione delle relazioni internazionali”. “Oggi l’Europa appare quasi ripiegata su se stessa. Spesso consapevole, nei suoi vertici, dei passi da compiere, eppure incerta nell’intraprendere la rotta. Come ieri, c’è bisogno di visioni lungimiranti, con la capacità di sperimentare percorsi ulteriori e coraggiosi”. A questo punto il Presidente ha elencato “alcuni dati” sulla situazione attuale dell’Ue, fra crisi economica e demografica. “Già questi due soli elementi rendono evidente che l’Europa nel suo complesso rischia di diventare più piccola sullo scacchiere internazionale, mentre, nel mondo, gli stati ‘giganti’ continuano a crescere. Nessun Paese europeo può garantire, da solo, la effettiva indipendenza delle proprie scelte. Nessun ritorno alle antiche sovranità nazionali potrà garantire ai cittadini europei pace, sicurezza, benessere e prosperità, perché nessun Paese europeo, da solo, potrà mai affacciarsi sulla scena internazionale con la pretesa di influire sugli eventi, considerate le proprie dimensioni e la scala dei problemi”.

© Riproduzione Riservata
Europa