Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Notizie Sir del giorno: attacco a Londra, il Papa sui migranti, il card. Marx sui Trattati di Roma, Giornata mondiale dell’acqua

Attacco a Londra: vescovi inglesi, “preghiere per i colpiti”. Welby (anglicani), “scioccato e addolorato”

“I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con tutti coloro che sono stati colpiti nell’incidente di Westminster questo pomeriggio”. È la prima reazione dei vescovi di Inghilterra e Galles all’attacco di questo pomeriggio a Londra alla sede del Parlamento britannico, a Westminster. “Profondamente scioccato e addolorato per gli eventi a Westminster. Stiamo pregando per tutti coloro che sono stati colpiti e per chi sta rispondendo così coraggiosamente”, ha detto l’arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, leader spirituale della Comunione anglicana. In una conferenza stampa poco dopo le 19, un ufficiale di Scotland Yard ha annunciato che oltre all’attentatore è morto anche il poliziotto che ha cercato di fermarlo. I feriti sarebbero una ventina. (clicca qui)

Papa Francesco: “il problema dei rifugiati e dei migranti è la tragedia più grande dopo la Seconda guerra mondiale”

“Il problema dei rifugiati e dei migranti oggi è la tragedia più grande dopo quella della Seconda guerra mondiale”. A ribadirlo è stato il Papa, che nei saluti ai fedeli di lingua italiana, al termine dell’udienza, si è rivolto tra gli altri ai partecipanti all’incontro per direttori Migrantes, incoraggiandoli “a proseguire nell’impegno per l’accoglienza e l’ospitalità dei profughi e dei rifugiati, favorendo la loro integrazione, tenendo conto dei diritti e dei doveri reciproci per chi accoglie e chi è accolto”. “Non dimenticate che il problema dei rifugiati e dei migranti, oggi è la tragedia più grande dopo quella della Seconda guerra mondiale”, ha aggiunto Francesco a braccio. (clicca qui)

Trattati di Roma: card. Marx (Comece), “la strada comune è la migliore”

“È bene che gli Stati e i popoli europei sappiano che fondamentalmente la strada comune è la migliore. Ma occorre anche verificare concretamente se gli Stati siano anche pronti a trarne le conseguenze”. In un’intervista esclusiva al Sir il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga, presidente della Conferenza episcopale tedesca e presidente della Comece, la Commissione delle Conferenze episcopali della Comunità europea, traccia le “ragioni” per credere ancora oggi nel progetto europeo e rafforzarlo.(clicca qui)

Terra Santa: Bartolomeo I, “Santo Sepolcro unica fonte di vera e sacra unità tra i cristiani”

“Nel nostro mondo contemporaneo, sempre inquieto e diviso, il Santo Sepolcro costituisce l’unica fonte di vera e sacra unità tra i cristiani che non si basa su interessi umani e ambizioni, ma solo sulla croce, capace di unire ciò che è stato in precedenza diviso”: lo ha detto il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, nel suo saluto pronunciato oggi a Gerusalemme, durante la cerimonia ecumenica per l’inaugurazione dell’edicola del Santo Sepolcro, dopo un restauro lungo 10 mesi. “In questa occasione unica della inaugurazione dell’edicola sacra del Santo Sepolcro, lasciamo che ogni parola mortale faccia silenzio, nella preghiera, in questo momento della sinfonia storica tra le tre comunità cristiane di questa Città Santa, che unanimemente hanno collaborato in questo progetto”, ha affermato Bartolomeo nel suo discorso, pervenuto al Sir. (clicca qui)

Giornata mondiale acqua: Ipsos, ricerca in 24 paesi su consapevolezza dei cittadini su gestione risorse idriche

“Gli italiani sono sensibili alla necessità di preservare la quantità e qualità delle risorse idriche. Solamente il 24% dei nostri connazionali è convinto che l’attuale trattamento delle acque di scarico sia gestita in maniera efficace e non costituisca una minaccia alla tutela di quelle pulite”. Lo afferma Nando Pagnoncelli, presidente dell’Ipsos, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua. Per l’occasione Ipsos ha condotto una ricerca a livello globale per capire quanto i cittadini di 24 paesi siano informati e consci del problema. A livello globale, si legge in una nota, “in molti sembrano essere consapevoli del problema” relativo al fatto che “le acque reflue” vengano per la maggior parte riversate nell’ambiente “senza essere in alcun modo trattata o ripulita”. (clicca qui)

Povertà: Fondazione Zancan, “il problema non è la mancanza di fondi per il sostegno sociale, ma la loro forma di utilizzo”

“Il problema sostanzialmente non è la mancanza di fondi per il sostegno sociale, ma la loro forma di utilizzo”. È quanto emerge da “Poveri e così non sia” (Il Mulino), il rapporto 2017 sulla lotta alla povertà, redatto dalla Fondazione Emanuela Zancan onlus di Padova. Servono “scelte coraggiose e di riconversione della spesa assistenziale” trasformando “una parte di essa ‘da trasferimenti a servizi’ per le persone e le famiglie”. È la strategia proposta nel rapporto che suggerisce di cambiare logica, passando “da costo a investimento” per “ottenere rendimento delle risorse a disposizione, in ‘concorso al risultato’ per poter misurare l’impatto sociale”. (clicca qui)

Bruxelles, a un anno dagli attentati: card. De Kesel, “resistere con tutte le forze al terrore della paura”

“Resistere al terrore della paura” e “continuare a tenderci reciprocamente la mano”. È questo il messaggio lanciato questo pomeriggio dal cardinale di Malines-Bruxelles, Jozef De Kesel, nella veglia di preghiera nella cattedrale di Saints-Michel et Gudule. Esattamente un anno fa, dalle 8.07 alle 9.11 del mattino, Bruxelles veniva attaccata da un commando di terroristi. Morirono 32 persone: 16 all’aeroporto, gli altri nella stazione della metropolitana di Maelbeek. (clicca qui)

© Riproduzione Riservata
Europa