Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Papa Francesco: a Santa Marta, il confessionale “non è una tintoria”, ci vuole la “vergogna” dei propri peccati

Il perdono è un “mistero difficile da capire”: il “primo passo” è la “vergogna” dei propri peccati, una “grazia” che non possiamo “ottenere da soli” e che non fa del confessionale “una tintoria”. Lo ha detto il Papa, nell’omelia della Messa celebrata oggi a Santa Marta. “Se io domando”, ha esordito Francesco: “‘A tutti voi siete peccatori?’ – ‘Sì, padre, tutti’ – ‘E per avere il perdono dei peccati?’ – ‘Ci confessiamo’ – ‘E come vai a confessarti?’ – ‘Ma, io vado, dico i miei peccati, il prete mi perdona, mi dà tre Ave Maria da pregare e poi torno in pace’. Tu non hai capito! Tu soltanto sei andato al confessionale a fare un’operazione bancaria a fare una pratica di ufficio. Tu non sei andato vergognato lì di quello che hai fatto. Hai visto alcune macchie nella tua coscienza e hai sbagliato perché hai creduto che il confessionale fosse una tintoria per chiudere le macchie. Sei stato incapace di vergognarti dei tuoi peccati”. Il perdono ricevuto da Dio, la “meraviglia che ha fatto nel tuo cuore”, ha spiegato Francesco, deve poter “entrare nella coscienza”, altrimenti, “esci, trovi un amico, un’amica e incominci a sparlare di un altro, e continui a peccare”. “Se tu non hai coscienza di essere perdonato mai potrai perdonare, mai”, ha ammonito il Papa: “Sempre c’è quell’atteggiamento di voler fare i conti con gli altri. Il perdono è totale. Ma soltanto si può fare quando io sento il mio peccato, mi vergogno, ho vergogna e chiedo il perdono a Dio e mi sento perdonato dal Padre e così posso perdonare. Se no, non si può perdonare, ne siamo incapaci. Per questo il perdono è un mistero”.
Il servo, protagonista del Vangelo, sottolinea ancora il Papa, ha la sensazione di “essersela cavata”, di essere stato “furbo”, invece non ha capito la “generosità del padrone”. E quante volte, afferma Francesco, “uscendo dal confessionale sentiamo questo, sentiamo che ce la siamo cavata”, questo non è ricevere il perdono, rimarca, ma è “l’ipocrisia di rubare un perdono, un perdono finto”: “Chiediamo oggi al Signore la grazia di capire questo ‘settanta volte sette’. Chiediamo la grazia della vergogna davanti a Dio. È una grande grazia! Vergognarsi dei propri peccati e così ricevere il perdono e la grazia della generosità di darlo agli altri perché se il Signore mi ha perdonato tanto, chi sono io per non perdonare?”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa