Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Irlanda del Nord: morte McGuinness (ex Ira). Mons. Martin, “ha avuto il coraggio di incamminarsi sulla strada della pace”

“Ha personalmente scelto di lasciarsi alle spalle la strada della violenza e di incamminarsi lungo il percorso più impegnativo di pace e riconciliazione”. Inizia così il “tributo” che l’arcivescovo di Armagh, monsignor Eamon Martin, primate d’Irlanda, rivolge a Martin McGuinness, l’ex-comandante dell’Ira, poi leader dello Sinn Fein, quindi vice primo ministro del governo congiunto autonomo nord-irlandese, che si è spento la notte scorsa a 66 anni di età dopo una breve, rara malattia. Martin McGuinness è stato uno dei maggiori artefici del cessate-il-fuoco dell’Ira e del Belfast Agreement, il cosiddetto “Accordo del Venerdì Santo”. “È stato un leader coraggioso – scrive l’arcivescovo Eamon Martin – che ha saputo rischiare e portare altri con lui, convincendoli che gli obiettivi prefissati potevano essere raggiunti con la politica e la persuasione”. “La storia del conflitto in Irlanda – ricorda oggi l’arcivescovo – ha portato molto dolore e causato molti traumi. Ringrazio Dio perché negli ultimi anni abbiamo preferito la pace all’orrore della violenza e della guerra. Gente, come Martin McGuinness, hanno dato un contributo immenso alla pace, porgendo una mano di amicizia e di riconciliazione ed essendo pronti a modellare alternative alla controversia e alla divisione. La personalità di Martin, aperta, amichevole, calorosa, ha saputo sciogliere il sospetto e contribuire a costruire legami di fiducia con chi proveniva da prospettive molto diverse”. “Sapeva che la pace era utile e che valeva adoperarsi per realizzarla nel tempo della sua vita”.

© Riproduzione Riservata
Europa