Quotidiano

Quotidiano - Italiano

“Mamma domani”: Costalli (Mcl), “siamo ancora una volta di fronte alla politica degli annunci irrealizzati”

“Che fine hanno fatto gli 800 euro, già stanziati con l’ultima legge di Bilancio e destinati alle future mamme per far fronte alle prime spese legate al lieto evento? Possibile che ancora oggi, a tre mesi dalla data fissata per l’entrata in vigore della legge, l’Inps non abbia posto in essere le circolari operative necessarie per presentare la domanda? E intanto, quei denari destinati alle future mamme dove sono finiti?”. Questi gli interrogativi che pone il presidente del Movimento cristiano lavoratori (Mcl), Carlo Costalli, in merito al contributo annunciato a dicembre dello scorso anno dal governo, nell’ambito del pacchetto di misure per la famiglia, sotto il nome di “Mamma domani”. “La realtà – lamenta Costalli – è che siamo ancora una volta di fronte alla politica degli annunci irrealizzati, una politica irresponsabile e colpevolmente irrispettosa dei cittadini: è gravissimo continuare a trascurare le aspettative di mamme e famiglie che, pure, ci avevano fatto affidamento”. “Ed è molto pericoloso – prosegue – promettere e non mantenere: si alimentano frustrazioni, proteste, disagio sociale e populismo. Ancor più grave, poi, è il farlo a danno delle famiglie e delle tante mamme in attesa, eterno fanalino di coda di una politica intenta solo alle vicende di palazzo”. A nome del Movimento, il presidente s’impegna quindi a essere “in campo per verificare tempi e modi e stimolare gli organi competenti ad applicare finalmente una legge che già dovrebbe essere in vigore da mesi. Non possiamo continuare parlare di semplificazione – conclude – e poi continuare a essere ostaggio delle lungaggini delle pastoie burocratiche”.

© Riproduzione Riservata
Italia