Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Sud Sudan: “Il Segno” (Bolzano-Bressanone), “l’emergenza più grande è l’assistenza dei profughi nei campi in Uganda”

“L’emergenza più grande, ora, è quella dell’assistenza dei profughi nei campi Onu in Uganda. Dove non ci sono alimenti, medicinali e dove manca l’acqua”. È quanto scrive “Il Segno”, il settimanale diocesano di Bolzano-Bressanone, in merito alla situazione del Sud Sudan, Paese dal quale in migliaia fuggono, per sfuggire ai ribelli, raggiungendo l’Uganda. “Solo nelle ultime due settimane, circa 40mila persone (la maggior parte donne e bambini) hanno dovuto lasciare i loro villaggi per cercare un rifugio sicuro altrove”, racconta Wolfgang Penn, direttore dell’Ufficio missionario di Bolzano-Bressanone, che ha ricevuto notizie dal comboniano Erich Fischnaller, missionario “fidei donum”, in Sud Sudan da 11 anni. “Nel sud del paese, a KajoKeji, hanno lasciato le loro case alcune decine di migliaia di persone che cercano di trovare un posto negli ormai sovraffollati campi profughi dell’Onu in Uganda”, prosegue Penn, aggiungendo che “padre Bernhard Hengel ci ha raccontato come nelle ultime due settimane, con i suoi pickup e camion padre Erich abbia portato centinaia di famiglie in Uganda”. “I gruppi di persone che hanno abbandonato i loro villaggi hanno trovato e trovano un posto nel cortile delle officine”, aggiunge. “Padre Erich riesce a cucinare anche per queste persone disperate. Lui non ha paura”. Per sostenere l’impegno del comboniano, l’Ufficio missionario diocesano di Bolzano-Bressanone ha attivato una raccolta fondi straordinaria.

© Riproduzione Riservata
Mondo