Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Nomina mons. Perego: mons. Napolioni (Cremona), in questi anni è stato “portavoce delle esigenze di giustizia e carità”

“Questo delle migrazioni è il tema, anzi il dramma, cui in questi anni il nome di don Perego è stato associato dai media, e più ancora da quanti attualizzano ogni giorno il ‘vangelo dell’accoglienza’ sulle tante frontiere, non solo geografiche, del nostro Paese. Don Gian Carlo è sempre intervenuto con coraggio e misura, senso ecclesiale e realismo, correndo da una parte all’altra dell’Italia, come portavoce delle esigenze di giustizia e carità, cui Papa Francesco ci educa con passione instancabile”. Così il vescovo di Cremona, monsignor Antonio Napolioni, nell’annuncio oggi in curia della nomina di monsignor Gian Carlo Perego ad arcivescovo di Ferrara-Comacchio. Non è – ha precisato il vescovo – uno “scatto di carriera”, bensì “un evento dello Spirito, che avrà compimento sacramentale nel Rito di ordinazione, e sviluppo esistenziale nella gioia e nella fatica di ogni giorno”. Mons. Napolioni ha quindi ricordato il percorso compiuto dal vescovo eletto, a partire dall’“educazione umana e cristiana ricevuta ad Agnadello, in famiglia e in parrocchia”; poi “attraverso il percorso vocazionale e di studio che gli ha fatto incontrare validi maestri a Cremona e a Roma, dove si è laureato in teologia nel 1996; nelle esperienze di vicario parrocchiale al Cambonino, nella segreteria dei vescovi Assi e Nicolini, quale insegnante e assistente di importanti aggregazioni ecclesiali”, fino “alla più decisiva immersione nel mondo delle povertà, come direttore della Caritas cremonese, vicedirettore della Caritas italiana e dal 2009 a oggi come direttore della Migrantes”. Infine, l’augurio di “buona strada”, che “ben si addice a chi ‘migra’ verso il delta del Po”. “Quando guarderai il fiume che lambisce i nostri territori, il pensiero a Cremona sarà il pensiero della sorgente, un pensiero che c’impegna a essere ancor più vivi e uniti, discepoli e missionari. E che ci vedrà – ha concluso – in preghiera per te, soprattutto nei prossimi mesi di preparazione al nuovo ministero”.

© Riproduzione Riservata
Territori