Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Welfare municipale: Truffelli (Azione Cattolica), “superamento crisi dipenderà da capacità di includere fasce più deboli”

“C’impegniamo a offrire contributi importanti affinché la prossima Settimana sociale dei cattolici possa innescare processi importanti. Il punto di riferimento è la prospettiva d’impegno attorno alla quale è incardinata la Laudato si’. Molti di questi temi hanno a che fare con il tema del welfare municipale”. Esordisce così Matteo Truffelli, presidente dell’Azione cattolica italiana, inaugurando questa sera a Roma i lavori del convegno degli amministratori locali sul tema “Dal benessere al buon vivere. Progettare il nuovo welfare municipale”. L’appuntamento si chiude domani mattina con una sessione in comune e che avvia la X Giornata della Progettazione sociale “Gioia nel lavoro”, promossa fino al 29 gennaio da Movimento lavoratori di Azione cattolica (Mlac) in partenariato con Caritas italiana e Ufficio nazionale per i Problemi sociali e del lavoro della Cei/Segreteria nazionale Progetto Policoro. “Il superamento della crisi – sostiene Truffelli – dipenderà dalla capacità di includere le fasce più deboli della società dando loro la possibilità di concorrere alla costruzione di un nuovo welfare. Siamo passati senza accorgercene da un monopolio pubblico alla creazione di oligopoli privati dei servizi alla persona”. “Il valore della continuità di questa iniziativa avviata una decina di anni fa – afferma il presidente di Ac con riferimento al convegno – ne dice il valore fondamentale: dire a voi che siete impegnati nel servizio amministrativo la stima e la gratitudine che l’associazione ha per il vostro impegno”, oltre alla volontà di creare un’opportunità di “condivisione, confronto, analisi alla ricerca di una progettualità culturale, ‘politica’ nel senso più progettuale del termine”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa