Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: Trapani, una giornata di giochi, preghiera e riflessioni

Domenica prossima, 15 gennaio, in occasione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, la diocesi di Trapani propone un’intera giornata di iniziative. E’ organizzata dagli Uffici Migrantes, Pastorale sociale e il lavoro, Caritas, Laicato in collaborazione con Cif, Mcl e la partecipazione dell’Azione Cattolica e dell’Oratorio Salesiano. La giornata si aprirà dai salesiani con giochi, laboratori creativi e coreografici e un torneo di calcio tra i ragazzi dell’Azione Cattolica e dell’Oratorio e alcuni ragazzi ospiti di strutture di accoglienza per migranti. Dopo il pranzo condiviso, nel primo pomeriggio partirà una marcia per la pace che, attraversando una parte di via G.B. Fardella raggiungerà i locali dell’ex asilo Caritas, in via Errante. Dopo un momento di preghiera interreligiosa, alle ore 16.30 il vescovo Pietro Maria Fragnelli dialogherà  con il prefetto Giuseppe Priolo, il sindaco Vito Damiano e il questore Maurizio Agricola, fornendo una fotografia aggiornata del fenomeno degli sbarchi sul territorio, con particolare riferimento ai minori. Quindi spazio alla voce dei protagonisti: i minori immigrati che si trovano attualmente nel nostro territorio insieme ad alcuni operatori delle cooperative che si occupano dell’accoglienza: “Badia Grande, “L’Arca”, “Altea”, “Il principe” e la comunità dei nuclei familiari del Cameroun e il presidente della consulta comunale per gli stranieri residenti in città, Mourad Aissa. L’ultimo momento sarà dedicato alla presentazione delle Suore apostole del Sacro Cuore che presto apriranno una nuova casa a Trapani con l’obiettivo di rendersi disponibili per fare rete con chi s’impegna a favore dell’accoglienza e dell’integrazione dei migranti. Il pomeriggio sarà arricchito da momenti musicali con gli interventi del coro di Trentapiedi e di musica etnica a cura dei giovani migranti della cooperativa “Badia Grande”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa