Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Papa Francesco: udienza, “noi siamo più contenti di andare dagli idoli che di andare dal Signore”

“Noi siamo più contenti di andare dagli idoli che di andare dal Signore: siamo tante volte più contenti dell’effimera speranza, falsa, che ti dà questo idolo che della grande speranza, sicura, che ci dà il Signore”. Con queste parole, pronunciate a braccio, il Papa ha commentato il Salmo 115, in cui “il salmista ci presenta, in modo anche un po’ ironico, la realtà assolutamente effimera di questi idoli”, ha detto Francesco nell’udienza di oggi, pronunciata in Aula Paolo VI davanti a circa 6mila persone. “E dobbiamo capire che non si tratta solo di raffigurazioni fatte di metallo o di altro materiale, ma anche di quelle costruite con la nostra mente, quando ci fidiamo di realtà limitate che trasformiamo in assolute, o quando riduciamo Dio ai nostri schemi e alle nostre idee di divinità”, ha ammonito il Papa: “Un dio che ci assomiglia, comprensibile, prevedibile, proprio come gli idoli di cui parla il salmo”. “L’uomo, immagine di Dio, si fabbrica un dio a sua propria immagine, ed è anche un’immagine mal riuscita”, ha commentato Francesco: “Non sente, non agisce, e soprattutto non può parlare”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa