Quotidiano

Quotidiano - Italiano

This content is available in English

Migrazioni: comunicato congiunto dei vescovi tedeschi e francesi per Giornata mondiale del rifugiato

L’arcivescovo Stefan Hesse di Amburgo, presidente della commissione migrazione della Conferenza episcopale tedesca, insieme con mons. Georges Colomb, vescovo di La Rochelle, responsabile per la pastorale dei migranti della Conferenza episcopale francese, hanno presentato un comunicato congiunto sul Messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2017. Per i prelati “Papa Francesco attira la nostra attenzione sul destino dei bambini e degli adolescenti ‘che sono tre volte vulnerabili’, perché minorenni, perché stranieri e perché indifesi”. L’attenzione è posta dal Papa sui minori sfruttati sessualmente, come schiavi nel lavoro, per i traffici di droga e nella criminalità e in fuga dalle persecuzioni: davanti a questa continua violazione dei bambini e dei diritti umani, “il Santo Padre oppone un punto di vista etico chiaro poiché noi ‘Gesù Cristo – scrive il Papa – lo incontriamo nei più piccoli e vulnerabili’ e dobbiamo fare tutto quanto è in nostro potere per proteggere la loro dignità in modo speciale”. Scrivono i vescovi che “il numero particolarmente elevato in Europa di minori rifugiati non accompagnati ci presenta sfide immense, specialmente perché molti bambini e giovani non fanno una domanda di asilo, e il numero reale è quindi molto più alto rispetto a quanto indicato dai dati ufficiali”. Ricordando il lavoro delle Chiese nell’opera di accoglienza, Hesse e Colomb apprezzano “la buona collaborazione che si è sviluppata in molti settori tra Chiesa, società civile e ambiti statali”.

© Riproduzione Riservata
Europa