Quotidiano

Quotidiano - Italiano

This content is available in English

Monsignor Galantino: migranti forzati, “sì a un’accoglienza diffusa”

“Sì a un’accoglienza diffusa, in tutti i comuni italiani, dei migranti forzati, in fuga da situazioni drammatiche”. È la richiesta del segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, intervenuto questa mattina a Roma alla presentazione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato. “Si tratta – ha precisato – di creare un servizio nuovo nelle nostre comunità per accogliere alcune persone e famiglie in fuga, due su tre delle quali potrebbero fermarsi solo per alcune settimane o mesi – come è avvenuto in questi tre anni – in collaborazione con le realtà associative, della cooperazione sociale ed ecclesiali presenti sul territorio”. Galantino ha chiesto di non “demonizzare con lo stigma della delinquenza e del puro interesse tutte le realtà impegnate nel campo dell’accoglienza”, ma piuttosto “scrivere una nuova pagina del nostro welfare sociale guardando anche a tuto quello che di positivo si sta facendo”. Dal segretario della Cei un “sì” pure “all’identificazione dei migranti che arrivano tra noi, anzitutto per un’accoglienza attenta alla diversità delle persone e delle storie, pronta a mettere in campo forme e strumenti rinnovati di tutela e di accompagnamento che risultano una sicurezza per le persone migranti e per la comunità che accoglie”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa