Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Diocesi: mons. Crociata (Latina), “in ascolto dell’altro per un annuncio alla persona”

Monsignor Mariano Crociata, vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, ha presentato, ieri, nel corso dell’assemblea diocesana, la lettera pastorale e gli orientamenti pastorali per l’anno 2016/2017 il cui tema è “Andate ad annunciare ai miei fratelli – In ascolto dell’altro per un annuncio alla persona”. “Non ci può essere l’uno senza l’altro – spiega il presule nella lettera -. Non c’è un momento in cui si ascolta soltanto e un altro in cui si comunica ad altri ciò che si è ricevuto. Di più, non c’è annuncio all’altro senza dialogo interiore con se stessi in ascolto del Signore che parla e – ecco l’elemento di novità! – senza ascolto dell’altro come destinatario di una iniziativa del Signore prima che nostra”.
Secondo il vescovo, “capire è il primo compito, è il primo passo dell’accoglienza, per aiutare a riconoscere e incontrare il Signore. E capire la situazione personale e sociale dei nostri destinatari è essenziale per entrare in comunicazione e cogliere il bisogno di Dio che l’interlocutore porta dentro”.
Riguardo alla situazione attuale, per monsignor Crociata, “noi non avvertiamo per noi stessi e non facciamo percepire agli altri che la fede è questione di sopravvivenza e che senza la fede non si sopravvive. Come annunciatori, dovremmo sentire la necessità di coltivare interesse, passione e dedizione, amore per il Vangelo e per la sua diffusione. Non importa essere professori universitari, basta possedere gli elementi essenziali e coltivarli senza sosta, e nutrire un desiderio sincero e rispettoso di condividerlo con altri”. Non è mancato un richiamo preciso: “A chiunque ci rivolgiamo, noi non siamo mandati a offrire noi stessi. Non dobbiamo farli diventare come noi. Non siamo noi il modello. Dobbiamo condurre gli altri a Dio e alla Chiesa, non a noi stessi. Dobbiamo guardarci dalla tentazione di fare delle persone una nostra proprietà”.

© Riproduzione Riservata
Territori