Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Cei: convegno catechisti. 16 proposte per una “Catechesi della Misericordia”

“Grazie alla misericordia l’uomo fa l’esperienza fondamentale della sua esistenza. Si verifica pertanto un cambiamento radicale del suo modo di pensarsi in relazione a Dio, ma anche in relazione agli altri e a se stesso”. E’ il punto numero 1 da cui partono le 16 “Propositiones per una catechesi della Misericordia” che sono state elaborate dall’Associazione italiana dei catecheti (Aica). Sono state presentate ai circa 300 partecipanti al convegno nazionale dei direttori e collaboratori degli uffici catechistici diocesani che sul tema “Memoria di Dio, annuncio e catechesi” si è aperto ieri a Roma e si concluderà domani in piazza San Pietro con la Messa di Papa Francesco per il Giubileo dei catechisti. “Alla luce della Misericordia”, osserva l’Aica, l’azione pastorale della Chiesa “non può essere pensata nei termini di una mera organizzazione” né può limitarsi a essere “espressione di idee ecclesiologiche, canonistiche e teologiche-morali”. La Misericordia chiede ai catechisti un “salto di qualità” perché siano espressione di una “Chiesa che si fa prossimità” e in “sintonia con il magistero di Francesco”, va “verso tutti”, crea “vicinanza con ogni uomo e ogni donna”. “La pastorale è così esercizio della maternità di una Chiesa che agisce sempre con misericordia”. A questo proposito, l’Aica sottolinea quanto sia diffuso oggi “il desiderio di riconoscimento, di gratuità, di essere amati e di amare gratuitamente, di poter ricominciare sempre. La mediazione catechistica – prosegue – è chiamata a cogliere sia l’azione di misericordia di Dio sia l’attesa di misericordia e ad accompagnare i processi che ne derivano fino a far maturare vincoli di fraternità tra gli uomini”. “Dentro questa prospettiva, la Chiesa rimette al centro del suo cuore e delle sue scelte i ‘ciechi’, gli ‘zoppi’, i ‘sordi’ e i ‘muti’, aiuta i morti a riacquistare la vita, cammina con il passo del più debole, così come il suo Maestro e Signore ha fatto e le ha insegnato”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa