Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Congresso Ucsi: Trapani (Usigrai), “vedere, ascoltare, condividere” per “costruire ponti”

(Matera) “Il futuro nel giornalismo è nel coraggio di cambiare, e questo coraggio deve appartenere ancora di più a noi del servizio pubblico”. Lo ha detto Vittorio Trapani, segretario nazionale Usigrai, intervenuto oggi alla seconda giornata del Congresso Ucsi a Matera. “Dobbiamo mettere questo coraggio in campo”, la sua esortazione. Di qui l’indicazione di “tre elementi intorno ai quali riflettere: vedere, ascoltare, condividere. Vedere è indispensabile, ossia tornare sul campo per essere vicini alle notizie dove avvengono, è l’importanza della prossimità, è il vedere per raccontare. Per vedere occorre anche poter ascoltare”. “Vedere e ascoltare sono  due dimensioni per una delle missioni del servizio pubblico: l’inclusione. Condividere per costruire ponti e abbattere muri, anzitutto culturali”. Per Trapani, “l’Ucsi in questo ha grandi opportunità, anche attraverso la rete dei giornali cattolici. Se riusciremo a fare questo percorso saremo in grado di lavorare insieme per il bene comune”. “Nella nostra categoria – ha aggiunto – abbiamo perso l’abitudine a momenti dedicati alla riflessione e al discernimento. L’impegno che dovremmo prendere come giornalisti Rai è di aprire questa riflessione all’esterno, fuori dagli steccati per capire come migliorare il nostro servizio pubblico”. Fondamentale “il tema della credibilità della nostra professione”.

© Riproduzione Riservata
Territori