Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Assemblea Comece: vescovi a confronto su costruzione della pace e ruolo della chiesa. Oggi conclusioni e prospettive

(Bruxelles) “In assemblea abbiamo analizzato e discusso il progetto di pace” dell’Europa comunitaria, di “come portare la pace nella società, tra i popoli, tra i Paesi. E qui si colloca un grande compito anche per la Chiesa”: il card. Reinhard Marx, presidente della Comece, ha riassunto ieri sera i lavori finora svolti durante la plenaria dell’organismo ecclesiale che si concludono oggi a Bruxelles. Nel corso di una serata pubblica, svoltasi nella sede brussellese della Fondazione Adenauer, sono giunte sul tema “Prevenire e combattere la radicalizzazione” le posizioni di alcune voci europee, fra cui quella di Mohammad Ali Shomali (Islamic Centre of England), e del rev. Tomáš Halík (Charles University, Praga). Presenti numerosi vescovi dei Paesi aderenti all’Ue, si sono affrontate le motivazioni della radicalizzazione e dei nazionalismi che attraversano l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa, sottolineando, a più riprese, i temi del “ritorno ai valori” fondativi dell’Unione, dell’educazione delle giovani generazioni, delle prospettive di pace e sviluppo per i Paesi attorno al vecchio continente, dell’accoglienza dei migranti. Mohammad Ali Shomali ha affermato: “Che siamo credenti o meno, cristiani o musulmani, viviamo nello stesso tempo, abbiamo attorno a noi i medesimi problemi, che dobbiamo affrontare insieme”, L’esponente della comunità islamica, ha messo in guardia da una “malintesa interpretazione di dio e della fede”, che genera tensioni, rancori e porta alla violenza.

Sulla stessa linea interpretativa Tomáš Halík, che ha affermato: “Non si può ridurre il vangelo a un solo argomento. Dev’essere luce per interpretare la globalizzazione e per far crescere il senso di giustizia, pace, democrazia, sviluppo, solidarietà”. Per Halík “si sono aperti problemi di identità europea, così, mentre chiediamo ai migranti di rispettare i nostri valori, siamo certi di conoscere e condividere i valori europei? Quali sono oggi?”. Interessante anche l’intervento di una rappresentante della Commissione Ue, che ha esposto i progetti in corso per prevenire e contrastare la radicalizzazione. L’assemblea Comece – dopo aver incontrato ieri, per un lungo dibattito, l’Alto rappresentate Ue per la politica estera, Federica Mogherini – prosegue oggi, concludendosi a metà giornata. Si attendono le comunicazioni finali sui temi sollevati – in relazione all’argomento generale della costruzione della pace – e sui prossimi passi della Comece.

© Riproduzione Riservata
Europa