Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Papa Francesco: a Pontificia Accademia per la vita, “non basta la scienza, per compiere il bene occorre sapienza del cuore”

“Il bene che l’uomo compie non è il risultato di calcoli o strategie, nemmeno è il prodotto dell’assetto genetico o dei condizionamenti sociali, ma è il frutto di un cuore ben disposto, della libera scelta che tende al vero bene. Non bastano la scienza e la tecnica: per compiere il bene occorre la sapienza del cuore”. Lo ha affermato Papa Francesco, oggi, nel suo messaggio ai partecipanti all’Assemblea generale della Pontificia Accademia per la vita. “In diversi modi la Sacra Scrittura ci dice che le intenzioni buone o cattive non entrano nell’uomo dall’esterno, ma scaturiscono dal suo cuore”, ha proseguito il Papa. “Nella Bibbia il cuore è l’organo non solo degli affetti, ma anche delle facoltà spirituali, la ragione e la volontà, è sede delle decisioni, del modo di pensare e di agire”. “Nel nostro tempo, alcuni orientamenti culturali non riconoscono più l’impronta della sapienza divina nelle realtà create e neppure nell’uomo. La natura umana rimane così ridotta a sola materia, plasmabile secondo qualsiasi disegno. La nostra umanità, invece, è unica e tanto preziosa agli occhi di Dio! Per questo, la prima natura da custodire, affinché porti frutto, è la nostra stessa umanità”. Francesco ha aggiunto: “La virtù è l’espressione più autentica del bene che l’uomo, con l’aiuto di Dio, è capace di realizzare”, essa “non è una semplice abitudine, ma è l’attitudine costantemente rinnovata a scegliere il bene”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa