Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Cardinale Maradiaga: su Oscar Romero, “alcuni vescovi si sono convertiti il giorno della beatificazione”

“Romero ebbe due martirii, come ha detto Papa Francesco: alcuni vescovi si erano opposti, e alcuni si sono convertiti il giorno della beatificazione, posso testimoniarlo personalmente”. Lo ha rivelato ai giornalisti il cardinale Oscar Rodriguez Maradiaga, intervenuto oggi alla conferenza stampa di presentazione dell’audiolibro “L’ultima parola”, che raccoglie una scelta dei testi più significativi dell’arcivescovo di El Salvador, assassinato il 24 marzo del 1980 dagli “squadroni della morte”, mentre celebrava la messa. “Per Romero – ha spiegato il cardinale – essere pastore significava fare luce sui problemi del Paese e della sua gente, cercare il dialogo e l’incontro, ma anche alzare la voce e denunciare soprusi e ingiustizie. Non gli mancarono i conflitti con altri settori della Chiesa, ma non ne faceva un dramma e non si faceva trascinare dalle polemiche”. “Le sue omelie domenicali – ha proseguito Maradiaga – erano il programma più ascoltato, e pur rifuggendo da ogni protagonismo diventò un riferimento per la sua gente, con la sua vita semplice e umile”. “Il martirio di Romero continua ancora oggi”, ha fatto notare il porporato ricordando che il cessate il fuoco fu firmato solo nel 1992 a New York. A San Salvador, intanto, continua incessante il pellegrinaggio sulla sua tomba: “Speriamo di avere presto un miracolo”, l’auspicio di Maradiaga per la canonizzazione: “Ma lui è già nell’albo dei santi, possiamo pregarlo per chiedere la pace sociale”.

© Riproduzione Riservata
Chiesa