Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Profughi: Alice Nicolini, 17 anni, firma il cortometraggio “Xenos” sul dramma dei migranti

“Da tempo stavo lavorando a quest’idea, perché mi sono accorta che c’è tanta disinformazione. In tv passano le immagini dei profughi, ma spesso la gente cambia canale e molti tra i miei coetanei vedono il dramma dei migranti come qualcosa di lontano che non ci riguarda. E invece ci riguarda eccome, perché tra qualche anno dovremmo affrontare noi le conseguenze di questa situazione”. Alice Nicolini, di Sassuolo, 17 anni, è un’aspirante regista: alla sua passione per il linguaggio cinematografico si deve la realizzazione del cortometraggio dal titolo “Xenos”, centrato sul dramma dei migranti. “La spinta a tradurre l’idea in immagini è venuta dal concorso indetto dal liceo classico Muratori di Modena che Alice frequenta, che chiedeva agli studenti di produrre elaborati artistici sul tema”, riferisce il settimanale “La Libertà” della diocesi di Reggio Emilia-Guastalla. Alice “non è alla sua prima esperienza dietro la telecamera, ha infatti trascorso le ultime due estati alla New York Film Academy, dove ha studiato sceneggiatura e poi regia negli studi della Universal di Los Angeles, una dei soli quattro italiani ammessi”. Vi ha realizzato alcuni video che ha raccolto nel suo canale youtube “Unicorns ‘N Rainbows Productions”.

La sua ultima produzione “Xenos”, la prima girata in Italia, tra Sassuolo e Montegibbio, tratta dell’emergenza-migranti. “Ho scelto di girare un cortometraggio – spiega l’interessata al settimanale diocesano – perché credo che il cinema sia una forma di comunicazione forte, anche se in Italia è visto solo come intrattenimento. Combinando immagini e suoni si possono mandare messaggi importanti, che arrivano anche a persone che, di fronte ad altre espressioni, si volterebbero dall’altra parte”.

© Riproduzione Riservata
Italia